Beneficiari del Sismabonus, persone ed edifici. Chi sono? Clicca e scoprilo!

Chi sono i beneficiari del Sismabonus intesi sia come persone ed edifici?

Home » Blog-2 » Chi sono i beneficiari (persone ed edifici) del Sismabonus?

Nella legge di Bilancio del 2017, fu introdotto per la prima volta il Sismabonus, una detrazione fiscale per gli interventi antisismici eseguiti sugli edifici collocati nelle zone sismiche indicate come ad alta pericolosità.

Il Sisma bonus ha come obiettivo principale quello di fornire un sostegno finanziario concreto ai cittadini che vogliono eseguire interventi strutturali per ridurre i rischi sismici. Con l’introduzione nel Decreto Rilancio 2020 del Superbonus 110%, anche per gli interventi finalizzati a ridurre il rischio sismico è stata prevista una detrazione fiscale pari al 110% (Sisma bonus 110%).

In questo articolo ti spiegheremo come richiedere e ottenere il Sisma bonus 110%, quali sono gli interventi ammessi e chi sono i beneficiari del Sismabonus.

Sisma bonus 110%: normativa di riferimento

Il Sisma bonus è stato creato nel 2017 e prevedeva una detrazione fiscale pari al 50% (80% per il passaggio di rischio a due classi inferiori, 70% per una sola classe di rischio inferiore) per tutti gli interventi strutturali che miravano a ridurre il rischio antisismico, nelle zone ad alta pericolosità indicate nell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3274/2003 e individuate come “zone 1,2,3”.

Per rendere le case più sicure e resistenti ai rischi sismici e migliorare l’efficientamento energetico degli immobili, il Sisma bonus del 2017 è stato trasformato in Super Sisma bonus 110%. Come il Superbonus 110%, anche per il Sisma bonus è prevista un’aliquota di detrazione fiscale pari al 110% che puoi ripartire in cinque quote annuali di pari importo e per gli interventi effettuati nel 2022 da suddividere invece in quattro quote annuali.

Nel caso in cui tu non voglia usufruire direttamente della detrazione fiscale, puoi scegliere il contributo anticipato: in accordo con il fornitore che ti ha fornito beni o servizi puoi ottenere uno sconto in fattura che copre tutte le spese sostenute. Il fornitore recupererà lo sconto in fattura tramite credito d’imposta. In aggiunta alle due alternative (detrazione diretta o sconto in fattura) è anche possibile usufruire della cessione del credito verso i fornitori di beni o servizi, banche e istituti finanziari o società e lavoratori autonomi, e questi soggetti potranno a loro volta cederli ad altri come credito d’imposta nei confronti dello Stato.

L’introduzione del Sisma bonus 110% rappresenta un vantaggio per chi vuole migliorare il proprio immobile e renderlo sicuro in caso di eventi sismici, ma attenzione per ottenere tale detrazione fiscale bisogna presentare una documentazione precisa e completa ed essere assistiti da tecnici esperti, vista la complessità degli interventi ammessi e il lungo iter burocratico previsto dal Governo nel Decreto Rilancio 2020.

È opportuno sottolineare che la detrazione fiscale del 110% per gli interventi antisismici è prevista per importi non superiori ai 96.000 € per unità immobiliare e che l’immobile deve essere situato nelle zone sismiche ad alta pericolosità 1, 2 o 3.

I beneficiari del Sismabonus 110%

Per usufruire del Sisma bonus 110%, sono stati individuati alcuni soggetti beneficiari, che possono richiederlo seguendo le indicazioni fornite nella guida dell’Agenzia delle Entrate dedicata al Superbonus.

I beneficiari del Sismabonus devono essere proprietari o detentori dell’immobile dove si eseguiranno i lavori di riqualificazione.

La misura fiscale può essere richiesta, in particolare:

  •  dai condomini;
  •  dalle persone fisiche “al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, proprietari (o comproprietari con altre persone fisiche) di edifici costituiti da 2 a 4 unità immobiliari distintamente accatastate“;
  • dagli istituti autonomi casse popolari o da latri enti;
  •  Onlus e associazioni di volontariato;
  •  associazioni sportive o dilettantistiche (con alcune limitazioni);
  •  cooperative di abitazione, dove la proprietà non è stata suddivisa.

Nell’elenco fornito dal Governo riguardante i beneficiari del Sismabonus 110% è specificato che bisogna essere in possesso di particolari titoli di proprietà prima dell’avvio dei lavori: proprietà esclusiva, nudo proprietario, titolare di diritto reale di godimento: usufrutto, uso, superficie. Possono richiedere le detrazioni fiscali anche coloro che detengono l’edificio in virtù di un contratto di locazione o di comodato, ma è necessario richiedere il consenso ai proprietari prima dell’avvio dei lavori. Il Sisma bonus 110% è riservato a tutti gli edifici residenziali o produttivi collocati nelle zone di rischio 1,2,3, mentre ne sono esclusi gli immobili situati nella zona indicata come 4.

Interventi ammessi Sisma bonus 2021

I beneficiari del Sismabonus, per ottenere la detrazione fiscale del 110% deve essere sostenuto uno degli interventi indicati dalla normativa del Sisma bonus del 2017. Inoltre è necessario eseguire uno degli interventi indicati nel Decreto Rilancio 2020, altrimenti l’agevolazione fiscale non sarà pari al 110%. Per ottenere il Sisma bonus 110% è necessario che i beneficiari effettuino uno degli interventi indicati come “principali o trainanti”:

  • isolamento termico delle superfici che costituiscono l’involucro dell’edificio;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale dei condomini;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle unità immobiliari o plurifamiliari indipendenti.

Se si effettuano questi interventi trainanti e si migliora la classe di rischio dell’edificio, si potrà essere tra i beneficiari del Sismabonus 110%.

Nel Decreto Rilancio 2020 è confermato il Sisma bonus Acquisto che consiste in una detrazione fiscale riservata a chi acquista un immobile collocato nelle zone ad alto rischio sismico, “al posto di fabbricati demoliti, e quindi ricostruite con lo scopo di ridurne il rischio sismico“, ed è sempre pari al 110%.

L’iter burocratico dei beneficiari del Sismabonus per richiedere la detrazione del 110&

Per ottenere il Sisma bonus 110% è necessario affidarsi alla competenza e professionalità di progettisti, tecnici e altre figure professionali, in grado di identificare la classe di rischio dell’edificio e di stilare un progetto in grado di migliorarne la sicurezza in caso di eventi sismici.

Il primo step per beneficiare del Sismabonus 110% consiste nell’individuare un tecnico che effettui una valutazione completa dell’edificio per identificare la classe di rischio di partenza e in seguito stilare un progetto che consenta il passaggio a una o due classi di rischio inferiore.

Il tecnico o il professionista abilitato, per ottenere il Sisma bonus 110% deve produrre due asseverazioni:

  1. la prima relativa alla congruità di spesa, da redigere prima dell’avvio dei lavori;
  2. la seconda al termine dei lavori firmata dal Direttore dei Lavori.

Le asseverazioni non devono essere presentate all’Enea, come in altri casi, ma al Comune in cui è situato l’immobile oggetto degli interventi e contestualmente bisogna trasmettere anche la segnalazione certificata di inizio attività o la richiesta del permesso di costruire. Rispetto alla documentazione necessaria per ottenere il Sisma bonus tradizionale, nel Decreto Rilancio è stato introdotto un ulteriore adempimento: la compilazione dell’Allegato B da parte del tecnico abilitato, dove dovrà essere specificato lo stato di fatto dell’edificio e indicare gli effetti che si desiderano ottenere con gli interventi antisismici come il miglioramento di una o due classi di rischio.

Se desideri migliorare la classe di rischio del tuo immobile e hai già stilato un progetto di intervento, per ottenere facilmente la cessione del credito, puoi scegliere di affidarti all’esperienza e professionalità di Ecobonus 360, in grado di aiutarti a reperire i finanziamenti necessari per realizzare i tuoi progetti.

Clicca qui per avviare la procedura!

CONTATTII nostri recapiti
IT NATION S.R.L. P.Iva 06819510824
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png
CONTATTII nostri recapiti
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.