Aumento gas e luce: come difendersi dalle bollette troppo alte? Scoprilo!

Tutto quello che c’è da sapere dal prossimo aumento luce e gas e come difendersi una volta per tutte

Home » Blog-2 » Come difendersi dall’aumento luce e gas?

 

Dopo un anno terribile come quello del 2020, le brutte notizie sembrano non finire mai.

 ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente) si appresta infatti ad adeguare le tariffe del prezzo di acquisto di gas ed elettricità, prezzo che è incredibilmente aumentato rispetto ad un anno fa.

Se infatti l’aumento luce e gas rispetto al trimestre precedente ammonta a circa il 40%, comparando il prezzo di questi beni rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, risulta aumentato più del doppio (120%).

Ma come è possibile un aumento così elevato? Colpa solamente della pandemia oppure ci sono anche altri fattori da tenere in considerazione? Ma soprattutto, come è possibile difendersi da questi aumenti luce e gas?

Abbiamo cercato di fare il punto della situazione cercando di dare una risposta concreta e comprensibile a queste domande.

Gli effetti della pandemia sull’aumento gas e luce

Secondo le maggiori testate giornalistiche, la colpa dell’aumento gas è luce è della pandemia. Ma perché?

Durante il periodo del lockdown molte imprese ed aziende sono state costrette a chiudere. Ciò ha avuto un importante conseguenza nella domanda di gas ed energia elettrica: è calata drasticamente. Calando drasticamente la domanda di energia sono calati di conseguenza anche i prezzi delle materie prime necessarie a produrla. In particolare, ad ottobre 2020 è stato toccato il minimo storico dei prezzi del gas e dell’elettricità.

Tuttavia, oggi le attività produttive stanno riprendendo in maniera decisa e con loro anche i consumi di elettricità e gas naturale. All’aumentare della domanda, come è normale che sia, si verifica anche un aumento del prezzo del bene richiesto. Ed è praticamente ciò che sta avvenendo in questo momento.

Tuttavia, davvero è sufficiente questo motivo a spiegare un aumento gas e luce del 120% rispetto ad un anno fa?

Le altre cause del rincaro

La pandemia non è sufficiente da sola a spiegare un aumento gas e luce così elevato. Per spiegarlo dobbiamo prendere in considerazione anche altri 3 fattori:

  1. La Francia sta affrontando un massiccio piano di manutenzione delle sue centrali nucleari. La quantità di energia che la Francia ogni anno destina all’esportazione, in virtù di questo piano di manutenzione, è calata in maniera notevole. Un calo che si ripercuote soprattutto su quei paesi che, come l’Italia, sono costretti ad acquistare energia per soddisfare il proprio fabbisogno.
  2. Gazprom, la più grande azienda di gas naturale del mondo, ha tagliato le forniture all’Europa. I volumi di gas che transitano attraverso l’Ucraina destinati all’Europa sono infatti, almeno dalla fine di dicembre 2020, diminuiti di un terzo. Una diminuzione che, unitamente all’innalzamento della domanda, ha fatto sì che i prezzi del gas aumentassero in maniera considerevole.
  3. L’apporto di energia prodotta da fonti rinnovabili è diminuito sensibilmente nel corso del 2020. L’anno scorso infatti è stato un anno poco produttivo dal punto di vista delle energie rinnovabili. Se da un lato c’è stato meno vento rispetto agli standard dall’altro, l’obsolescenza degli impianti fotovoltaici installati fra il 2007 ed il 2014 comincia a farsi sentire. l

A questi 3 fattori, molto più pragmaticamente, ne andrebbe inoltre aggiunto un quarto, probabilmente il più decisivo.

I grandi player del settore dell’energia, hanno registrato perdite ingentissime lo scorso anno. Perdite che non vedono l’ora di recuperare aumentando i prezzi delle materie prime a discapito di onesti cittadini ed imprenditori come te. Possiamo infatti affermare che se si sta verificando un aumento luce e gas così alto è colpa della speculazione di questi soggetti.

Come difendersi dalle bollette alte?

Per difendersi dall’aumento gas e luce e quindi dalle bollette esiste solo una soluzione che garantisce risultati duraturi ed affidabili nel tempo. La soluzione a cui facciamo riferimento è quella di puntare tutto sulle energie rinnovabili: sono così infatti sarai in grado di auto-consumare producendo da solo tutta l’energia di cui hai bisogno. Affidandoti alle energie rinnovabili e ad un progetto serio di riqualificazione energetica dell’immobile potrai abbattere i costi delle bollette. Come?

Grazie ad esempio ad un impianto fotovoltaico con la batteria di accumulo potrai produrre l’energia elettrica di cui hai bisogno per gli elettrodomestici di casa tua o per le macchina della tua impresa. Con tecnologie come le pompe di calore o le nuove caldaie a condensazione, specie se alimentate dal fotovoltaico, potrai ridurre notevolmente il consumo di energia ed avere sempre degli ambienti climatizzati alla perfezione! Infine, grazie al solare termico potrai ottenere acqua calda sanitaria senza doverla riscaldare consumando gas.

Incentivi per la riqualificazione energetica: cessione del credito e sconto in fattura!

Le soluzioni cui abbiamo fatto riferimento poc’anzi sono adatte a difendersi dall’aumento luce e gas, ma richiedono un investimento non indifferente che tutti non sono in grado di sostenere. Per fortuna però, con la pandemia sono state introdotte e rafforzate delle misure di sostegno alla la riqualificazione energetica davvero vantaggiose!

Se da un lato è stato introdotto il Superbonus 110% per i privati, rimangono in vigore anche gli Ecobonus per le imprese che possono farti ottenere un sconto del 50 o 65%! Ma la vera novità non è tanto l’introduzione od il rafforzamento di queste misure, ma riguarda le modalità con cui è possibile usufruirne.

Lo sconto che puoi ottenere infatti può essere o detratto dalle tasse e recuperato in 5-10 anni oppure è possibile goderne in maniera immediata! Come?

Tramite la cessione del credito d’imposta cui avresti diritto all’impresa che effettua i lavori o ad un soggetto terzo. Cedendo il credito d’imposta otterrai uno sconto in fattura sugli interventi che vuoi realizzare di importo pari alla detrazioni cui avresti avuto diritto! Un meccanismo che quindi non solo è immediato ma che ti permette di ridurre notevolmente il costo dell’investimento e di rientrare dall’esborso davvero in poco tempo!

Cosa aspetti a cedere il credito d’imposta?

La cessione del credito ad Ecobonus 360

Rivolgersi a una società specializzata, nel fornire consulenza e nel supportare il cittadino, il professionista o un’impresa come Ecobonus360, potrà essere un valida soluzione al fine di avere la certezza effettuare la cessione del credito con l’istituto più adatto alle proprie esigenze.

Ma non solo, rivolgerti a noi ti permetterà di smobilizzare il tuo credito d’imposta in tempi sicuramente più rapidi di quanto ci riusciresti rivolgendoti alle banche!

Per disporre di una consulenza cliccare qui!

 

CONTATTII nostri recapiti
IT NATION S.R.L. P.Iva 06819510824
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png
CONTATTII nostri recapiti
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.