Ecobonus caldaia: come funziona la detrazione al 65? Cedi il tuo credito!

Tutto quello che devi sapere sull’ecobonus caldaia per ottenere la detrazione al 65% con lo sconto in fattura

Home » Blog-2 » Ecobonus caldaia: come funziona la detrazione al 65%?

 

L’inverno sta arrivando e con esso anche le preoccupazioni relative alle bollette per il riscaldamento. I costi di riscaldamento sono infatti un grande grattacapo per numerose famiglie ma anche per le imprese dati i loro elevati consumi. A complicare la situazione ci sono anche i rincari che le materie prime stanno subendo. Rincari che proprio a causa della pandemia sono particolarmente elevati come abbiamo già spiegato qui.

Ovviamente, i rincari delle bollette si fanno più pesanti nel momento in cui sei in possesso di un impianto di riscaldamento non efficiente. Ad esempio avere una vecchia caldaia a gas è molto più dispendioso e meno efficiente di una nuova caldaia a condensazione o di una a biomassa. Per risparmiare sulle bollette è necessario quindi investire una discreta somma di denaro per sostituire il proprio sistema di climatizzazione invernale. Investimento che però non tutti sono in grado di sostenere visti i costi.

Ed è proprio per questo motivo che lo stato Italiano ha introdotto i cosiddetti Ecobonus al 65%. Fra queste misure infatti figurava anche il vero e proprio ecobonus caldaia ovvero una detrazione fiscale del 65% per tutti quegli interventi di sostituzione delle vecchie caldaie. Beneficiando dell’ecobonus caldaia, dal momento che è ancora in vigore, potresti efficientare il tuo nuovo sistema di riscaldamento pagando solo il 35% del totale!

Per spiegare in cosa consiste l‘ecobonus caldaia abbiamo interpellato i nostri esperti ed insieme a loro abbiamo cercato di fare il punto della situazione a riguardo.

Ecobonus caldaia: cosa è?

L’ ecobonus caldaia non è altro che una detrazione fiscale la cui aliquota può arrivare al 65%. La detrazione si può ottenere non solo per la sostituzione della caldaia ma è prevista anche per un’altra serie di interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

L’ Eco-bonus caldaia infatti si inserisce in un contesto più ampio di interventi per la riqualificazione energetica degli edifici anche se in questa sede approfondiremo più che altro quelli riguardanti le caldaie.

Chi può beneficiare della detrazione del 65%?

La detrazione prevista dall’Ecobonus caldaia può essere usufruita sia da privati cittadini che da cittadini titolari di reddito d’impresa. In particolare, le persone fisiche possono ottenere una detrazione del 65% dall’Irpef, mentre i titolari di reddito d’impresa dall’Ires. Questi ultimi però possono fruire della detrazione fiscale solo con riferimento ai fabbricati strumentali utilizzati nell’esercizio dell’attività imprenditoriale.

L’agevolazione inoltre non spetta solo ai proprietari degli immobili ma più in generale a quanti possiedono diritti reali/personali di godimento su di essi e che ne sostengono le relative spese.

Dal punto di vista catastale non ci sono vincoli da rispettare. Questo significa che è possibile ottenere l’ecobonus caldaia anche nel caso in cui tu la debba sostituire su di un edificio che è a tutti gli effetti un bene strumentale per la tua attività d’impresa oppure in un edificio rurale.

Ovviamente per poterne usufruire dovranno sostenere uno degli interventi di riqualificazione energetica degli edifici previsti dalla normativa.

Quali sono gli interventi ammessi alla detrazione?

Come abbiamo già specificato, l’ecobonus caldaia si colloca in un quadro più ampio di detrazioni per la riqualificazione energetica. Abbiamo ritenuto opportuno ricapitolare tutti quegli interventi che possono farti ottenere l’ecobonus qui di seguito:

  • interventi sull’involucro degli edifici;
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale;
  • acquisto e posa in opera delle schermature solari;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, di produzione di acqua calda, di climatizzazione delle unità abitative;
  • acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
  • acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Tutte le percentuali di detrazione previste per l’efficientamento dell’impianto di climatizzazione invernale

Gli interventi che abbiamo elencato qui sopra possono dar luogo alla detrazione fiscale del 65%. In questa sede stiamo approfondendo però ciò che riguarda l’ecobonus caldaia. Pertanto qui di seguito procederemo con l’elencare gli interventi che vi rientrano specificando anche la detrazione che possono ottenere. La detrazione ottenibile infatti è fino al 65% ciò significa che è possibile ottenere anche detrazioni con un aliquota minore.

In ogni caso gli interventi di efficientamento dell’impianto di climatizzazione invernale che possono rientrare nell’ecobonus caldaia, con la relativa aliquota di detrazione sono quelli che prevedono la sostituzione della vecchia caldaia o l’installazione di una una nuova con:

  • caldaia a biomassa in classe V oppure Caldaia a condensazione almeno di classe A: 50%;
  • caldaia a condensazione in classe A è del 50%;
  • caldaia a condensazione in classe A e sistemi di termoregolazione evoluti (appartenenti alle classi V, VI o VIII) è del 65%;
  • pannelli solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria o come integrazione al riscaldamento: 65%;
  • impianto di riscaldamento invernale con Pompa di calore ad alta efficienza (aria-acqua, aria-aria): 65%.

Come funziona l’ecobonus caldaia?

Nella sua forma originale, nel 2019, era possibile usufruire dell’ecobonus caldaia solo tramite la dichiarazione dei redditi. Sostanzialmente si poteva recuperare il 65%, o il 50% dell’importo dei lavori di riqualificazione energetica tramite 10 rate annuali di pari importo.

Tuttavia con l’approvazione del DL Rilancio le cose sono cambiate. La misura, approvata anche per cercare di rilanciare l’economia visto il forte impatto della pandemia sul comparto produttivo italiano, ha introdotto due alternative per beneficiare della detrazione: la cessione del credito e lo sconto in fattura di cui parliamo in modo approfondito qui.

In sostanza, nel caso in cui potrai beneficiare dell’ecobonus caldaia, otterrai un credito d’imposta del 65% o del 50% del valore dell’intervento che hai sostenuto. A questo punto avrai davanti a te due strade da percorrere nel caso in cui tu decida di recuperare la detrazione dalla dichiarazione dei redditi.

  • La prima è quella di cedere il credito d’imposta direttamente all’impresa che effettua i lavori, in cambio di uno sconto in fattura di pari importo. In questo caso è la ditta che dovrà di fatto anticipare le spese anche se poi potrà cedere il credito acquisito da te ad altri soggetti e quindi ottenere liquidità.
  • La seconda strada che hai a disposizione è quella di cedere tu stesso il credito d’imposta cui hai diritto ad un istituto di credito, o ad un altro intermediario. Ad esempio cedendolo a noi di Ecobonus 360 potrai ottenere la liquidità necessaria a pagare l’intervento in tempi più brevi rispetto al caso in cui tu debba cederlo alle banche!

Ecobonus caldaia fino al 31 dicembre 2021

Usufruire dell’ecobonus caldaia è un ottimo modo per sostituire la tua vecchia caldaia abbattendo drasticamente il costo dell’investimento! Ottenendo uno sconto in fattura del 65% infatti pagherai solamente il 35% del costo totale che avresti dovuto sostenere senza la detrazione.

Sbrigati però! La legge, a meno di ulteriori proroghe, offre questa possibilità solo fino al 31 dicembre di questo anno! 

Per massimizzare le opportunità ed i guadagni ti consigliamo dunque di rivolgerti ad una società specializzata nella cessione del credito oltre che nel fornire consulenza e nel supportare il cittadino, il professionista o un’impresa come noi.

Rivolgerti ad Ecobonus360 è infatti una valida soluzione se vuoi avere la certezza effettuare la cessione del credito e di ottenere liquidità nel più breve tempo possibile!

Per disporre di una consulenza clicca qui!

CONTATTII nostri recapiti
IT NATION S.R.L. P.Iva 06819510824
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png
CONTATTII nostri recapiti
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.