Sisma Bonus 2022: tutto quello che devi sapere spiegato da Ecobonus 360

Tutto quello che c’è da sapere sul Sisma Bonus

Il Sisma bonus 2022 in realtà è una misura che è in vigore dal 1° Gennaio 2017 e prevede agevolazioni fiscali ( dal 50% all 85%) per interventi di adeguamento sismico degli edifici facenti parte delle zone 1, 2 o 3.

Con la Legge di Bilancio 2022 l’agevolazione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2024, per cui è ancora possibile recuperare una parte delle spese sostenute dalle imposte sui redditi quando si eseguono interventi antisismici.

Requisiti di accesso

Per avere diritto alla detrazione sisma bonus è necessario eseguire interventi su immobili di tipo abitativo o utilizzati per le attività produttive, situati sia nelle zone ad alta pericolosità sismica (zone 1 e 2) che in quelle a minor rischio (zona 3). La classificazione delle zone sismiche è individuabile nell’ordinanza n. 3274 del 20 marzo 2003 del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Per poter accedere al sisma bonus 2022 è necessario indicare i dati catastali dell’immobile nel quale sono stati eseguiti i lavori (nel caso di interventi su parti comuni di edifici residenziali è sufficiente il codice fiscale del condominio). Occorre poi conservare tutta la documentazione fiscale dei lavori ed effettuare il pagamento degli stessi tramite apposito bonifico bancario o postale, dove siano riportati i dati del committente e dell’impresa e la causale del versamento.

Quali sono gli interventi di adeguamento sismico che rientrano nel Sisma bonus 2022?

Rientrano nelle detrazioni fiscali del Sisma bonus tutti i lavori volti alla modifica sismica, ovvero tutti quegli interventi che andranno a rendere più resistenti gli edifici durante un evento sismico.

Vediamoli nel dettaglio:

  1.  messa in sicurezza statica dell’edifico
  2.  interventi che portano l’edificio ad una classe di rischio sismico inferiore
  3.  interventi che portano l’edificio a due classi di rischio sismico inferiore
  4.  interventi di manutenzione ordinaria (intonacatura, tinteggiatura,rifacimento pavimenti, etc.) solo se abbinati ad interventi elencati nel punto 2 e 3
  5.  demolizione e ricostruzione edilizia, ovvero interventi di conservazione edilizia (si escludono quindi le
    nuove costruzioni)

Importante nella pratica del bonus per la riqualificazione antisismica è fare una classificazione di rischio sismico prima dell’inizio dei lavori ed a lavori ultimati.

A quanto ammontano le detrazioni fiscali nel Sisma bonus?

Come anticipato le detrazioni fiscali del bonus per la riqualificazione antisismica variano in base agli interventi che si andranno ad effettuare all’immobile.
In via generale per le spese sostenute nel 2022 spetta una detrazione d’imposta del 50%, da calcolare su un importo massimo di 96.000 euro per ogni unità immobiliare. La detrazione viene ripartita in cinque quote annuali costanti.

Tuttavia si può usufruire di una maggiore detrazione per gli interventi che porteranno ad abbassare di una/due classi di rischio sismico l’edificio. Nello specifico si può arrivare una detrazione del:

  1.  70% per interventi che portano ad abbassare di una classe di rischio l’edificio;
  2.  80% per interventi che portano ad abbassare di due classi di rischio l’edificio;
  3.  75% per i condomìni che abbassano di una classe di rischio sismico;
  4.  85% per i condomìni che abbassano di due classi di rischio sismico.

Il Sisma bonus prevede un tetto massimo di € 96.000,00 per unità abitativa (pertinenze comprese, anche se distintamente accatastate) su cui possono essere calcolate le detrazioni.

Per i condomìni invece il massimale (sempre € 96.000,00) deve tenere conto anche delle pertinenze.

Come funziona il Sismabonus?

Spieghiamolo più concretamente con un esempio.

In un condominio composta da 4 unità abitative e 2 pertinenze il massimale da rispettare andrà cosi calcolato: 4 (unità abitative) + 2 (pertinenze)= 6 x € 96.000,00= € 576.000,00 (massimale da rispettare).

Il contribuente può beneficiare delle detrazioni fiscali o in 5 anni (5 rate di pari importo) o sconto in fattura (cessione del proprio credito d’imposta).

Chi vi può accedere?

Possono beneficiare del bonus per la riqualificazione antisismica sia i contribuenti assoggettati a IRPEF sia i contribuenti passivi di IRES.

Vediamoli nel dettaglio:

  1.  proprietari e nudi proprietari
  2.  titolari di un godimento reali (es. usufruttuario, uso, etc.)
  3.  locatari
  4.  imprenditori individuali, solo se intervengono su immobili in uso per attività produttive
  5.  soggetti che produco redditi in forma associata
  6.  familiare convivente del detentore dell’immobile
  7.  il coniuge separato con immobile assegnato ma intestato all’altro coniuge
  8.  componente di unione civile
  9.  il convivente “more uxorio” non proprietario dell’immobile
  10.  IACP
  11.  enti che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di “ in house providing”

I contribuenti elencati nei punti 6,7,8 possono accedere al Sisma bonus solo se sostengono le spese.

Quali sono le differenze tra Sisma bonus e Sisma Bonus 110%?

Il Decreto Rilancio introduce la maxi detrazione del 110% anche in materia di Sisma Bonus. In particolare, qualora vengano rispettate tutte le condizioni previste dal Superbonus, l’agevolazione è potenziata al 110%, divenendo così obbligatoriamente Super Sismabonus. 

Rimane invece applicabile l’aliquota di detrazione Sismabonus ordinario qualora non vi siano le condizioni per l’applicazione del Superbonus 110% (interventi effettuati su immobili diversi da quelli residenziali, come capannoni, professionista che detiene un’unità immobiliare non in condominio).

Esistono delle differenze tra bonus per la riqualificazione antisismica classico e Sisma bonus 110%.

Andiamole ad analizzare:

  1. Nel Sisma bonus 110% le detrazioni fiscali al quale il contribuente può accedere sono del 110% mentre nel classico Sisma Bonus variano tra il 50% e l’85%;
  2.  possono accedere al Sisma bonus 110% solo i condomìni per interventi sulle parti comuni, le unità abitative singole ( solo se prima casa);
  3. possono accedere al bonus per la riqualificazione antisismica 110% i proprietari di seconda casa solo se facente parte di un condominio che usufruisce del bonus
  4. Il Super Sismabonus prevede anche la possibilità di cessione del credito o sconto in fattura.
CONTATTII nostri recapiti
IT NATION S.R.L. P.Iva 06819510824
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png
CONTATTII nostri recapiti
DOVE TROVARCIEcco dove trovarci
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/img-footer-map-itay.png
GLI INDIRIZZIDove siamo
Milano: Via San Gregorio n. 55, CAP 20124
Perugia: Via Settevalli n. 544, CAP 06129
Pistoia: Via Cappelli 1, Serravalle Pistoiese, CAP 51034
MEMBRI DI
https://www.ecobonus360.it/wp-content/uploads/2021/05/Quantico-business-white.png

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.

Copyright by Evo Sistemi di Cirone Simone. Tutti i diritti riservati.